Evento

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN ASMA ED ASMA GRAVE

Scarica Programma

Data:
Dal 07-05-2021 al 08-05-2021
Luogo:
Torino (TO), Starhotels Majestic Corso Vittorio Emanuele II, 54
Sponsor:
- A. Menarini Industrie Farmaceutiche Riunite S.r.l. - AstraZeneca S.p.A. - Boehringer Ingelheim Italia S.p.A. - Chiesi Farmaceutici S.p.A. - GlaxoSmithKline S.p.A. - Istituto Lusofarmaco D'Italia S.p.A. - Laboratori Guidotti S.p.A. - Mundipharma Pharmaceutical S.r.l. - Neopharmed Gentili - Novartis Farma S.p.A. - Sanofi S.p.A.
Target di riferimento:
• Malattie dell’Apparato Respiratorio • Medicina Interna • Allergologia e Immunologia Clinica • Medicina d’Urgenza • Anestesia e Rianimazione • Medicina Fisica e Riabilitazione • Otorinolaringoiatria • Geriatria
Razionale:

L’asma bronchiale colpisce circa 5-7% della popolazione adulta e 10- 15% della popolazione pediatrica (costo medio di oltre 1.600 euro/ paziente per anno). La larga diffusione delle Linee Guida purtroppo non ha determinato un adeguato controllo della malattia e vari studi osservazionali negli ultimi anni mostrano che fino al 50% dei pazienti asmatici presentano un’asma non controllato. Diverse sono le cause di questo risultato insoddisfacente tra cui il “self-management” e la scarsa aderenza alla terapia del paziente ma non bisogna dimenticare che alcuni pazienti mostrano una reale difficoltà a raggiungere l’adeguato controllo a causa della presenza di fattori confondenti quali le esposizioni ambientali specifiche e il mancato riconoscimento di altre co-patologie respiratorie o extrarespiratorie che possono influenzare la gestione clinica (cosiddetta “asma difficile”). Infine, esiste una popolazione di pazienti asmatici (circa il 5-10%) che, pur escludendo tutti i fattori confondenti, presenta una scarsa risposta di efficacia clinica (refrattarietà) all’uso di corticosteroidi ad alte dosi inalatorie (Step5 GINA) che viene definita asma grave. Soprattutto per questi pazienti è essenziale seguire un percorso di stratificazione per riconoscere il meccanismo biologico alla base della condizione patologica. Infatti, la letteratura scientifica degli ultimi anni ha dimostrato che con il termine asma si intende una collezione di patologie bronchiali (diversi fenotipi di asma) identificabili in sottopopolazioni di soggetti asmatici con particolari caratteristiche cliniche, funzionali e biologiche che possono giovarsi di interventi terapeutici specifici. Questo concetto di eterogeneità è fondamentale nell’asma e, in particolare, è molto utile nei pazienti con asma grave che possono essere trattati sulla base dei principi della medicina di precisione. In particolare, per 3 eccesso di semplificazione la popolazione asmatica si differenzia in pazienti di tipo T2 (allergici e non-allergici) in presenza di marcatori biologici caratteristici come l’elevato numero di eosinofili (>300/mcl) nel sangue periferico oppure un alto valore di ossido nitrico esalato (FeNO >30 ppb) e pazienti di tipo non-T2 in assenza della quota significativa dei predetti marcatori. In realtà esistono anche pazienti con uno scenario di meccanismi biologici ad impronta mista con presenza dei marcatori tipici T2 in combinazione con altri marcatori tipici della neutrofilia o del processo di rimodellamento. Questo corso ha l’ambizione di chiarire quali processi infiammatori e non-infiammatori caratterizzano i complessi meccanismi alla base di tale condizione patologica e di mostrare attraverso un metodo di lavoro traslazionale dalla bio-patologia alla clinica (medicina di precisione) come un clinico possa prevedere un successo terapeutico personalizzato per uno specifico paziente (“personalized therapy”). Questo corso ha l’obiettivo di svelare le più recenti novità clinicoscientifiche e tecnologiche indirizzate a modificare l’attività clinico pratica in questa area della pneumologia in grande espansione.