Evento

IL PAZIENTE CON BPCO RIACUTIZZATORE: COME RICONOSCERLO?

Iscriviti

Data:
26-10-2019
Luogo:
BEINASCO (TO), HOTEL SAN LUIGI, Via San Luigi 5
Sponsor:
-
Target di riferimento:
Allergologia e Immunologia Clinica, Malattie dell’Apparato Respiratorio, Medicina Generale (Medici di Famiglia), Medicina Interna, Farmacia Ospedaliera, Farmacia Territoriale, Infermiere
Razionale:

La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO), secondo la definizione del Documento di raccomandazione GOLD, è una comune malattia, prevenibile e trattabile, caratterizzata da persistenti sintomi respiratori e limitazioni al flusso aereo, che è dovuta ad anomalie delle vie aeree e/o valvolari solitamente causate da una significativa esposizione a particelle nocive o gas. Le tipiche alterazioni anatomo-patologiche della BPCO comprendono infiammazione cronica associata a stenosi delle piccole vie aeree, ipersecrezione di muco e distruzione del parenchima. La BPCO è una patologia progressiva e può causare disabilità; spesso il sintomo predominante è la dispnea, che insieme con le riacutizzazioni, rappresenta il principale fattore responsabile della qualità di vita dei pazienti affetti da BPCO. La storia naturale della BPCO è tipicamente caratterizzata dalle riacutizzazioni, definite come un peggioramento acuto dei sintomi respiratori. In molti casi le riacutizzazioni sono scatenate da infezioni delle vie respiratorie (principalmente virali ma anche batteriche) e da fattori ambientali come l'inquinamento atmosferico. Nelle riacutizzazioni si osserva inoltre una variazione delle caratteristiche quali-quantitative dell'espettorato, nonché l'aumento della tosse e dei sibili respiratori. Le riacutizzazioni portano ad un accelerato declino della funzionalità polmonare, peggiorano lo stato di salute, aumentano l'utilizzo di risorse sanitarie e rappresentano la principale causa di ospedalizzazione e mortalità correlate alla BPCO.